La lingua di Schiermonnikoog

Scritto da Giovanni Pinto

So che gli italiani non hanno mai sentito parlare dell’Eilauners o della lingua di Schiermonnikoog. Neanche io conoscevo questa lingua prima del 2018. L’Eilauners è una lingua indigena a rischio di estinzione che si parla sull’isola frisone di Schiermonnikoog. Un comune malinteso è che l’Eilauners sia un dialetto frisone. Tuttavia, l’Eilauners è una lingua completamente diversa. Posso confermarlo perché ho studiato l’Eilauners dal 2018.

Sono orgoglioso di dirvi che sono il primo Italiano in tutta la storia d’Italia che ha imparato a parlare l’Eilauners. È una lingua difficile da imparare per gli Italiani, perché la grammatica è molto arcaica e le parole sono molto diverse da qualsiasi lingua che conosciamo. Ad esempio, la parola per amico è freeuwn e la parola per uccello è fieuwl.

Ho visitato l’isola di Schiermonnikoog per la prima volta nel 2018. È stato un evento storico molto speciale. Il più grande quotidiano dei Paesi Bassi ci ha accompagnato in quell’occasione e ha scritto un eccezionale articolo di 2 pagine a riguardo. Sono stato molto felice di essere menzionato in questo articolo, e mi ha commosso molto perché sono il primo Italiano nella nostra intera storia italiana ad aver imparato la lingua indigena di Schiermonnikoog. Sembrava un’enorme scoperta, perché è stata davvero un’avventura.

Schiermonnikoog è ufficialmente un’isola che appartiene ai Paesi Bassi, ma ha una propria cultura e lingua. La cultura e la lingua nativa stanno morendo, e quindi volevo essere il primo italiano ad aiutare a salvare questa lingua. Schiermonnikoog è circondato da due tipi di mare: c’è il Mare del Nord a nord e c’è il mare di Wadden a sud. I Wadden sono chiamati “it wed” nella lingua indigena.

Il mare di Wadden è speciale perché durante il declino si può raggiungere l’isola. Il mare di Wadden è considerato patrimonio mondiale dell’UNESCO. La ragione di ciò è che il mare di Wadden ospita molta biodiversità.

Quando ho imparato la lingua di Schiermonnikoog, mi ha fatto pensare al mare. Mi ha dato una sensazione di vacanza. Mi è davvero piaciuto imparare questa lingua, perché mi ha reso così rilassato; mi ha fatto dimenticare le mie preoccupazioni. Ho scoperto in seguito che le persone dell’isola sono in realtà molto rilassate, perché questo fa parte della loro cultura. Quando ho visitato Schiermonnikoog per la prima volta, mi sono sentito subito a casa.

L’isola sembrava così bella. C’era il mare, c’erano le dune e c’era tanta natura. Era veramente l’isola della mia immaginazione. Sin da quando ho visitato Schiermonnikoog, ho sentito che è la mia missione per l’Italia e l’Olanda studiare la lingua e la cultura indigene di Schiermonnikoog e continuare a usare la lingua in modo che non si estinguesse. Spero di ispirare altri italiani o olandesi a imparare anche la lingua indigena di Schiermonnikoog e li incoraggerei a visitare la bellissima isola dopo aver studiato la lingua e la cultura.Schiermonnikoog è ufficialmente un’isola che appartiene ai Paesi Bassi, ma ha una propria cultura e lingua. La cultura e la lingua nativa stanno morendo, quindi volevo essere il primo italiano ad aiutare a salvare questa lingua.

Schiermonnikoog è circondata da due tipi di mare: c’è il Mare del Nord al nord e c’è il mare di Wadden al sud. I Wadden sono chiamati “it wed” nella lingua indigena. Il mare di Wadden è speciale, perché durante il declino si può raggiungere l’isola. Il mare di Wadden è considerato patrimonio mondiale dell’UNESCO. La ragione di ciò è che il mare di Wadden ospita molta biodiversità. Quando ho imparato la lingua di Schiermonnikoog, mi ha fatto pensare al mare. Mi ha dato una sensazione di vacanza.

Mi è davvero piaciuto imparare questa lingua, perché mi ha reso così rilassato; mi ha fatto dimenticare le mie preoccupazioni. Ho scoperto in seguito che le persone dell’isola sono in realtà molto rilassate, perché questo fa parte della loro cultura.

Quando ho visitato Schiermonnikoog per la prima volta, mi sono sentito subito a casa. L’isola sembrava così bella. C’era il mare, c’erano le dune e c’era tanta natura. Era veramente l’isola della mia immaginazione. Sin da quando ho visitato Schiermonnikoog, ho sentito che è la mia missione per l’Italia e l’Olanda studiare la lingua e la cultura indigene di Schiermonnikoog e continuare a usare la lingua in modo che non si estinguesse. Spero di ispirare altri Italiani o Olandesi ad imparare anche la lingua indigena di Schiermonnikoog e li incoraggerei a visitare la bellissima isola dopo aver studiato la lingua e la cultura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s