La mia conoscenza della natura su Schiermonnikoog

Scritto da Giovanni Pinto

Non pretendo di sapere tutto sulla natura di Schiermonnikoog. Gran parte di ciò che so della natura dell’isola deriva dalla mia conoscenza della lingua dell’isola. So che l’isola ha dune (dúne), spiagge (straune), uccelli (fieuwle), coniglietti tra le dune (dúnkniinen), olivelli spinosi (hagedoorns), alberi (bimmen), cespugli (strúkken), erba (gôs), alghe (flúedmúes), pesce di mare (seefisken), conchiglie (krimpe), canne (reiden) e così via. Tali vocabolari mi hanno aiutato a ottenere un’immagine di come appare l’isola.

Dyami Millarson mi ha insegnato in passato che i vocabolari possono essere usati per conoscere l’ambiente in cui si parla una lingua. Mi ha insegnato questo soprattutto nel contesto delle lingue antiche, ma mi ha anche sottolineato che potrebbe essere usato con le lingue viventi. Ho testato questa teoria quando ho studiato la lingua dell’isola. Ho cercato di conoscere la natura dell’isola solo attraverso i vocabolari. Quando ho visitato l’isola per la prima volta nel 2018, la mia immagine dell’isola si è rivelata corretta. Pertanto, so che la teoria secondo cui i vocabolari possono prevedere con precisione l’aspetto di un linguaggio è corretta. Dopotutto, le piccole lingue legate a un ambiente locale specifico probabilmente non posseggono parole per piante, animali e fenomeni naturali che non esistono nel loro ambiente immediato. Alcune di queste parole possono apparire nelle lingue locali, ma saranno pochissime rispetto alla quantità di parole che sono rilevanti per l’ambiente immediato in cui vivono le persone che parlano la lingua locale. Ad esempio, la lingua dell’isola ha le parole aap (scimmia) e lieuw (leone) anche se questi animali non si trovano nell’ambiente locale. Tuttavia, questi animali probabilmente hanno catturato l’immaginazione popolare ed è per questo che le parole per loro esistono nella lingua dell’isola.

Sebbene ciò che ho visto della natura dell’isola sia stato sufficiente per confermare la teoria linguistica di Dyami Millarson che considera i vocabolari rilevanti per la conoscenza dell’ambiente immediato, non ho visto gran parte della natura dell’isola. Ho visto prove di conigli di dune (ho visto buchi di coniglio e escrementi di coniglio tra le dune), ho visto molti olivelli spinosi crescere sulle dune, ho visto alcuni alberi e molti cespugli, ho visto erba e canne quando abbiamo ho camminato fino al villaggio, ho visto alghe vicino al porto, ho visto conchiglie vicino al faro e ho visto molti uccelli. Schiermonnikoog si trova tra il Mare del Nord e il Mare di Wadden. Quando ero sull’isola nel 2018, ho visto un segnale che diceva che il Mare di Wadden è nella lista dell’UNESCO per il patrimonio mondiale. La particolarità del mare di Wadden è che quando l’acqua si allontana durante il riflusso, il fondo del mare diventa tale da poter camminare da e verso l’isola. La parola della lingua isolana per questo ambiente ecologico unico è Wed, e il verbo per camminare da o verso l’isola è ieuwrrone.

Ho letto su un sito olandese della rete che sull’isola si verificano centinaia di specie di piante, oltre 300 specie di uccelli e oltre 100 tipi di conchiglie. Ci sono 150 ettari di foresta sull’isola che consistono di latifoglie e pini. Lo stesso sito afferma che l’isola ha alcune delle spiagge più belle d’Europa. Penso che questo debba essere vero perché quando mi sono avvicinato al faro di luce nel 2018, ho potuto vedere la spiaggia e sembrava pulita e bella. Quando visito di nuovo l’isola, voglio davvero esplorare di più la natura dell’isola camminando e fotografando gli animali e le piante che osservo. Voglio documentare tutti gli animali e le piante dell’isola, perché voglio conoscere le parole indigene per loro. Mi sembra di essere un esploratore romano che ha scritto in latino per raccontare le sue scoperte di piante, animali, costumi e parole nel Nord Europa. Sono sicuramente il primo italiano fin dall’antichità romana a imparare la lingua indigena di Schiermonnikoog, e quindi vedo come mio dovere documentare tutto in modo appropriato sull’isola. Certo, penso che questa avventura valga la pena e spero che altri italiani desiderino imparare la lingua dell’isola, perché attraverso questa lingua possiamo imparare molto su un ambiente e una nicchia ecologici unici nel Nord Europa. Farò del mio meglio nei prossimi anni per rendere la conoscenza della lingua isolana accessibile a chi parla italiano, ed è per questo che devo continuare a studiare Eilauners senza troppe interruzioni e dovrei visitare l’isola per esplorare la natura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s