I due fari di Schiermonnikoog

Scritto da Giovanni Pinto

Entrambi i fari di Schiermonnikoog, che hanno un’altezza uguale, fu construiti nel 1853 e terminato nel 1854. Solo uno è ancora in uso oggi. F. Allan dice nel suo libro Het eiland Schiermonnikoog en zijne bewoners, pubblicato nel 1856, che i fari (oggetti marittimi) sono entrambi alti 103 piedi. La misurazione a piedi era ancora comune nei Paesi Bassi del XIX secolo, ma oggigiorno questa tradizione è ampiamente dimenticata, sebbene possa ancora essere trovata negli ambienti sociali marittimi conservatori nei Paesi Bassi. Nei Paesi Bassi vengono tradizionalmente utilizzati tre tipi di misure del piede: il piede della Renania è di 31,4 cm, il piede di Amsterdam è di 28,3 cm e il piede inglese di 30,48 cm.

Qualunque sia il tipo di misurazione del piede che scegli, l’altezza che F. Allan dà è più corta dell’altezza moderna di 37 metri. Non so esattamente perché i fari fossero più corti nel XIX secolo rispetto al XXI secolo, ma so che l’altezza che F. Allan offre non corrisponde all’altezza moderna di 37 metri (o forse ho frainteso qualcosa?). Vorrei approfondire la questione in futuro. Inoltre, F. Allan dice qualcos’altro che sembra diverso dalla situazione moderna: secondo lui, il primo faro si trova su una superficie piana, il secondo si trova su una duna.

Dyami Millarson ha chiesto a un locale di questo per me ed il locale ha detto che entrambi i fari sono licenziati su una duna. Medito se F. Allan descriva la situazione contemporanea del XIX secolo che è diversa dai tempi moderni o F. Allan la descrisse in modo errato. Penso che il primo sia molto probabile, perché F. Allan descrive l’isola com’era 164 anni fa. Certo, è anche possibile che non gli importasse troppo dei dettagli esatti riguardanti i fari mentre metteva le informazioni in una nota a piè di pagina, ma dubito che fosse così poco attento.

Dopotutto, i fari sono stati costruiti solo 3 anni prima della pubblicazione del suo libro (erano relativamente nuovi) e, per quanto posso verificare, ha correttamente descritto l’un l’altro la loro posizione relativa. Quindi sto pensando che i fari, sebbene fossero molto nuovi, potrebbero essere ancora in costruzione quando F. Allan ha scritto il suo libro ed è per questo che i fari sono più brevi nel suo resoconto. Questa è una delle mie ipotesi, poiché F. Allan scrisse la sua prefazione nel febbraio 1856, i fari furono terminati nell’estate del 1854 e F. Allan disse che l’isola possedeva 2 fari dal 1853. Queste date rendono possibile che F. Allan non è stato informato dell’ultima situazione al termine della costruzione.

Tuttavia, per me questa ipotesi sembra alquanto strana, perché F. Allan aveva ancora abbastanza mesi per essere informato sull’ultima situazione dei fari (a meno che, ovviamente, non usasse vecchie lettere, che gli erano state inviate prima, come sue fonti di informazioni riguardo ai fari). Come ho detto prima, questa domanda è qualcosa che dovrei indagare in futuro; è troppo complesso trovare una risposta ora, e forse non sapremo mai la risposta, perché potrebbe essere un mistero che non potrà mai essere risolto.

Quello che ho potuto capire è che i fari furono costruiti su Schiermonnikoog per decisione del re olandese Guglielmo III, che visse dal 1817 al 1890 (non deve essere confuso con Guglielmo III che visse dal 1600 al 1700 ed era il re olandese che governava l’Inghilterra dopo essere stata la prima e l’ultima persona nella storia a organizzare una riuscita invasione nell’Inghilterra moderna). Questo re olandese è noto per 3 cose importanti:

  1. Ha avuto un ruolo importante nella formazione del Regno di Lussemburgo, che è tuttora governato dai membri della famiglia di Guglielmo III.
  2. Fu il primo re nei Paesi Bassi il cui potere era limitato dalla costituzione, e quindi il paese era governato essenzialmente da altri che da lui.
  3. Il re si è guadagnato il titolo di “L’eroe dell’acqua di Loo”, perché si è fatto molto popolare organizzando aiuti e offrendo sostegno finanziario a persone che avevano subito diverse inondazioni.

Guglielmo III, sebbene la costituzione limitasse il suo potere, era il più alto al comando dei militari. Poiché l’esercito era il dominio del re, potrebbe non essere sorprendente che la costruzione dei 2 fari su Schiermonnikoog fosse espressa come comando militare dal re olandese. La marina olandese si occupò dell’attuale costruzione dei 2 fari su Schiermonnikoog. A quel tempo, la costruzione era molto complicata perché non vi era né un porto né un molo su Schiermonnikoog.

I costruttori marini di entrambi i fari furono H.G. Jansen e A. van Rhyn. Ho trovato poche informazioni su questi olandesi online, ma ho trovato alcuni dettagli interessanti su entrambi gli uomini in un libro marittimo olandese contemporaneo, intitolato Verhandelingen en berigten betrekkelijk het zeewezen, de zeevaartkunde en de daarmede in verband staande wetenschappen ed è stato pubblicato nel 1855. Il libro menziona entrambi gli uomini a pagina 217 come “Officieren en Ambtenaren bij de Algemeene Dienst van het Departememt van de Marine” (ufficiali e funzionari del servizio generale del dipartimento della marina) e afferma che A. van Rhyn ha lavorato per la marina olandese come “Kapitein-Luitenant ter Zee Titulair” (capitano-luogotenente sul mare titolare) e “Hydrograaf der Nederlandsche Zeegaten” (idrografo degli estuari olandesi) e H.G. Jansen ha lavorato per la marina olandese come “Ingenieur der 1e kl.” (ingegnere di 1a classe) e “Adviseur bij de Marine” (consigliere della marina).

Names: red lighthouse, white lighthouse. One tower is called Zuidertoren, the other is called Noordertoren. I do not know their names in Schiermonnikoogs. (Ask Eric Augusteijn.)

Near the red lighthouse, a poem by Lammert Wiersma in the island language can be found on a stone in the ground:

Ús fjúertúer
Wat stieste der statich
op ús eilander dúne
heich op de útkyk haudste de wacht
yn starm en eeuwnweer,
yn kaude en jitte
dochste dyn plichten
by dei en by nacht.

– Lammert Wiersma

Il nostro faro

Che dignitoso ti trovi lì

sulle dune dell’isola

In cima al tuo posto stai di guardia

durante la tempesta ed il maltempo,

Nel caldo e nel freddo

fai i tuoi doveri

di notte e di giorno.

– Lammert Wiersma

When I visited Schiermonnikoog for the first time, we read the poem aloud together with Marten Kok. We went to the red lighthouse for this purpose.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s